Paola Orsini

Paola Orsini

Ciao, mi presento, mi chiamo Paola Orsini e aiuto le
allergiche al nichel a disintossicarsi e a godersi una
dieta variata e gustosa così che possano finalmente
tornare a vivere la vita di prima, senza più avere paura per la propria salute o sperimentare fastidiosi gonfiori.

Sono una mamma lavoratrice a tempo pieno che dal 2013 si è dovuta confrontare con un problema che,
anche se non posso assolutamente definire gravissimo, mi ha creato non pochi disagi e difficoltà nella vita di tutti i giorni: ossia l’allergia al nichel.

Ho deciso di creare questo progetto per aiutare tutte le persone che hanno il mio stesso problema a non demoralizzarsi, e per far conoscere tutti vari aspetti di questa allergia.

Specifico che non sono né un medico né una farmacista, sono semplicemente una paziente che, dovendo affrontare un problema, ha deciso di informarsi per cercare di risolverlo nella maniera più naturale (quando ciò sia possibile) senza ricorrere all’eccessivo uso di farmaci.

La mia storia

Fin da molto piccola ho sofferto di parecchie allergie che però fortunatamente sono sempre riuscita a tenere “sotto controllo” con brevi cure farmacologiche soprattutto nel periodo primaverile. Qualche anno fa e precisamente nel 2010 decido di rifare le prove allergiche dopo l’ennesima giornata passata interamente con il fazzoletto in mano senza avere nessun tipo di raffreddore, ma semplicemente una rinite tipicamente allergica.

Da queste prove esce fuori una novità rispetto alle allergie che già conoscevo, ossia il nichel. Eh si, per me è stato abbastanza sconvolgente soprattutto perché nella struttura dove ho svolto le prove mi hanno proposto una dieta che, prima di tutto sconvolgeva completamente le mie abitudini alimentari ed in secondo luogo era molto limitata a pochissimi alimenti peraltro ripetuti sia a pranzo che a cena.

In quel periodo però lavoravo fuori casa, vivevo da sola, decido quindi di seguire per un periodo molto limitato quella dieta.

Le cose sono inziate a cambiare nel 2013, quando con mio figlio che aveva un anno e soffriva di una dermatite atopica a dir poco “imbarazzante”, anche io comincio ad avere problemi di dermatite soprattutto alle mani.

A quel punto comincia il pellegrinaggio nei vari studi medici, sopratutto dermatologici nel mio caso, per cercare di risolvere un problema di dermatite che diventava sempre maggiore e mi provocava non pochi problemi tra cui un prurito insopportabile soprattutto notturno alle mani ma non solo.

Ti descrivo brevemente i sintomi che ho avuto, io la mattina mi svegliavo con le mani piene di ferite, farmi la doccia era diventato un incubo, l’acqua calda sembrava mi desse sollievo ma poi mi infiammava la pelle ancora di più, avendo un bimbo piccolo dovevo cambiarlo e non riuscivo a muovere bene le mani perché avevo molte ferite. Per non parlare del lavoro, stando al pubblico non potevo più presentarmi così ed ero costretta ad indossare dei guanti bianchi comprati appositamente in farmacia.

Posso tranquillamente dire che mi sentivo piuttosto disperata soprattutto perché non vedevo una via d’uscita al problema, i vari medici mi davano delle cure più o meno forti a base principalmente di cortisone o per bocca o sottoforma di punture che mi dava dei brevi periodi di sollievo, ma non risolvevano il problema.

Finalmente sono riuscita a trovare un medico che ha deciso di approcciare il problema in maniera diversa, ossia cercando di analizzare la causa. Ci sono voluti mesi, altri esami, altri farmaci, piccole ricadute ma alla fine posso dire di aver “imparato” a convivere serenamente con questo problema senza avere alcun sintomo.

Questo progetto nasce proprio dall’obiettivo di riunire in un unico blog tutto quello che ho scoperto sull’intolleranza al nichel, in maniera tale da farti risparmiare tempo prezioso e soldi per cercare di risolvere o di alleviare il problema.

disintossicarsi-dal-nichel-guida