Zeolite attivata: perché può essere utile a chi è allergico al nichel?

zeolite attivata

Chi soffre di allergia al nichel deve trovare soluzioni che permettano di eliminare questo metallo dal corpo: la zeolite attivata è una di queste. Di cosa si tratta? Come si utilizza? Dove comprarla? In questo post affronto proprio questo tema, sviscerando un argomento molto importante per chiunque voglia far fronte al problema dell’allergia al nichel in maniera costante.

Se ti interessa conoscere un ecommerce affidabile dove acquistare la Zeolite (la stessa che uso anch’io) vai a questo link. Se invece vuoi saperne di più, continua a leggere questo post di approfondimento.

disintossicarsi-dal-nichel-guida

Ho creato un indice dei paragrafi, per aiutarti nella lettura e per darti modo di scegliere gli aspetti per te più interessanti.

Indice dei contenuti

Zeolite attivata: di cosa si tratta?

La zeolite è uno straordinario regalo che la natura ci ha fatto. Si tratta di un minerale di origini vulcaniche, la cui composizione deriva dall’incontro tra lava incandescente e acqua di mare. La struttura della zeolite è microporosa e caratterizzata da numerosi volumi vuoti all’interno dei cristalli.

Esistono numerosi tipi di zeolite e quella generalmente più utilizzata per gli scopi di cui sto per parlarti è la zeolite clinoptilolite. Perché si parla di zeolite attivata? Per l’intervento di un processo che può essere chimico, fisico o chimico fisico e che permette al minerale di reagire in maniera più rapida.

Nel caso della zeolite, il processo prevede l’accelerazione della collisione tra le particelle, che ha come principale conseguenza l’aumento del loro numero e la diminuzione delle dimensioni, che consente di legare più facilmente le tossine presenti all’interno del corpo.

La zeolite attivata non viene solo utilizzata per eliminare i metalli pesanti dal corpo umano: alcuni drammi storici, come per esempio l’incidente al reattore nucleare di Chernobyl, hanno portato in primo piano il ruolo della zeolite attivata nella bonifica di terreni contaminati da radiazioni.

Dopo questa doverosa specificazione è arrivato il momento di scoprire come la zeolite attivata può essere utile a chi soffre di allergia al nichel.

A cosa serve?

La zeolite attivata può essere molto utile per chi soffre di allergia al nichel in quanto, come già ricordato, assorbe i metalli pesanti che si trovano all’interno del corpo umano. La zeolite  attivata costituisce un’ottima alternativa quando si affronta l’allergia al nichel e alcune delle sue principali conseguenze, come per esempio le criticità a livello dermatologico.

La zeolite clinoptilolite attivata è in grado di assorbire i metalli pesanti e tossici, senza influire sull’equilibrio dell’organismo. Chi decide di optare per una dieta senza nichel disintossicante si preoccupa spesso degli effetti che prodotti come la zeolite possono avere sull’apparato gastrointestinale: in questo caso è davvero utile lasciare da parte qualsiasi cruccio, in quanto la zeolite transita senza venire assorbita dall’intestino, e non ha alcun tipo di conseguenza sulla digestione.

Alcuni studi hanno inquadrato gli effetti positivi della zeolite sulla perdita di peso in soggetti che soffrono di allergia al nichel con sintomi di natura gastrica (questi risultati, come puoi vedere qui, riguardano soprattutto pazienti di sesso femminile).

La zeolite attivata non serve solo per curare l’allergia al nichel, ma viene utilizzata anche da chi pratica sport a livello agonistico per diminuire l’acidosi lattica.

Quali sono le proprietà terapeutiche?

La zeolite attivata produce degli effetti benefici molto rapidi su chi la assume, e contribuisce così all’eliminazione dei metalli pesanti dall’organismo. A questo proposito si possono registrare diversi casi.

C’è infatti chi parla di miglioramenti dal punto di vista della luminosità della pelle in seguito all’assunzione della zeolite, con diminuzione delle squamosità causate dalla dermatite. Altro aspetto da non trascurare quando si parla dei benefici della zeolite è quello del miglioramento dei dolori articolari, accusati da diversi soggetti che soffrono di allergia al nichel (chi riscontra questo tipo di miglioramento in molti casi riferisce anche la cessazione d’integratori vitaminici, in quanto la zeolite risulta molto più efficace).

La zeolite attivata può causare un generale indurimento delle feci ed episodi di stitichezza. Per questo motivo è opportuno, quando si decide d’iniziare ad assumere tale integratore, impegnarsi anche a mantenere alto l’apporto idrico quotidiano, non scendendo sotto i 2 litri di acqua ogni giorno, possibilmente lontano dai pasti.

La zeolite attivata è usata come abbiamo già avuto modo di ricordare anche dagli sportivi, che attraverso la sua assunzione migliorano le proprie prestazioni di resistenza. Tra gli altri benefici oltre a quelli legati all’eliminazione dei metalli pesanti e tossici dall’organismo è possibile ricordare il contrasto dell’azione dei radicali liberi, che rappresenta un valido punto di partenza per combattere l’invecchiamento dei tessuti.

Tra le altre proprietà benefiche della zeolite si può annoverare anche l’influenza sui processi foto ossidativi, che costituiscono una delle più importanti cause delle patologie oculari. La zeolite attivata viene utilizzata anche quando si devono iniziare processi di ripresa da stress fisici importanti, come per esempio quelli successivi a interventi chirurgici invasivi.

La zeolite attivata, come già ricordato, non ha effetti collaterali, e può essere assunta da persone di qualsiasi età senza particolari controindicazioni riguardo allo stile di vita.

Ora che ho parlato delle proprietà terapeutiche della zeolite attivata non mi resta che trattare un altro aspetto importantissimo, ossia la formulazione del minerale.

 Zeolite Posologia: Come Assumerla?

Come si assume la zeolite attivata? Questa domanda può avere risposte differenti. Nella maggior parte dei casi è possibile parlare di zeolite attivata in forma di capsule. Online si trovano diversi prodotti di questo tipo.

Tra i tanti si può ricordare Elkopur 312®, un prodotto totalmente naturale marchio registrato che è utile per depurare l’organismo dai metalli pesanti grazie alla presenza della zeolite, con un validissimo contributo fornito dagli smectiti, terre medicamentose sempre di origine minerale che favoriscono l’evacuazione.

Questo prodotto può essere assunto considerando come dosaggio ideale 2/3 compresse al giorno. Si consiglia spesso di assumerla per un ciclo di 30 giorni, con una pausa successiva di 3/5 giorni.

La zeolite in capsule costituisce una valida alternativa per chi viaggia e si trova a gestire il trattamento dell’allergia al nichel in situazioni diverse da quella domestica, spesso caratterizzate da poca comodità.

La zeolite attivata può essere acquistata in qualsiasi farmacia (non è necessario rivolgersi alle erboristerie) senza bisogno di ricette.

Quanto costano gli integratori a base di zeolite attivata come questo?

I prezzi possono variare molto, a seconda dello store online o del negozio fisico dove si effettua l’acquisto. Se hai intenzione di trovare informazioni aggiornate sui prezzi puoi fare un giro sui principali store online di prodotti naturali, dove, con un po’ di fortuna, puoi imbatterti in offerte per un trattamento mensile a base di zeolite attivata.

Gli integratori a base di zeolite attivata sono deducibili dalle spese sanitarie, ovviamente a fronte della presentazione dello scontrino fiscale.

Per quanto riguarda invece la polvere, il suggerimento è quello di assumerne tre cucchiai al giorno per circa tre mesi, possibilmente prima dei pasti (un difetto di questa formulazione è quello di avere un sapore non sempre gradevole).

Qui sotto puoi trovare un elenco di integratori selezionati da me per trovare la zeolite in vendita online senza passare per farmacie o erboristerie:

Zeolite - Elkopur 312® - Zeolite + Montmorillonite
Zeolite-clinoptiolite + Montmorillonite naturale, attivata – 30 giorni di trattamento

Voto medio su 166 recensioni: Da non perdere

€ 32

 

Zeolith Med - Detox - Capsule
200 capsule – 33 giorni di trattamento

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

€ 38.5

 

Zeolith Med - Detox - Polvere
120 g – 40 giorni di trattamento

Voto medio su 8 recensioni: Buono

€ 34

 

Ho completato la mia trattazione riguardante i benefici della zeolite attivata per chi soffre di allergia al nichel e non solo. Spero di aver risolto tutti i tuoi dubbi in merito alle proprietà benefiche di questo minerale, vero e proprio toccasana quando si tratta di dimenticare alcuni dei problemi che rovinano le giornate a chi soffre di allergia al nichel.

Hai mai usato la zeolite?

Tu hai mai testato questo integratore alimentare? Hai avuto concreti benefici dall’assunzione della zeolite in polvere o in capsule? Condividi la tua esperienza nei commenti qui sotto.

disintossicarsi-dal-nichel-guida

Riassunto del post
Zeolite Attivata: Benefici e rimedi contro l'allergia al nichel
Titolo del post
Zeolite Attivata: Benefici e rimedi contro l'allergia al nichel
Descrizione
Cos'è la zeolite attivata, quali sono i suoi benefici, dove si vende online e quanto costa? Questi sono alcuni degli argomenti di cui si parla in questo post.
Autore
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Giuseppe, grazie per la tua richiesta. Per mantenere protetta la tua privacy ho cancellato il numero di telefono che avevi aggiunto nei commenti. Ti sconsiglio di inserire queste informazioni sensibili su un commento di qualsiasi blog.

      Riguardo invece alla tua richiesta, per aiutare persone come te a disintossicarsi dal nichel o dai metalli pesanti in generale, ho elencato le migliori risorse dove puoi acquistare online la zeolite.

      Nel post qui sopra trovi i prezzi e i link per poter acquistare il prodotto. Ti ricordo poi che io non sono un medico ne un’esperta, ma sono semplicemente una persona allergica al nichel che vuole aiutare altre persone con lo stesso problema.

      Nei miei post segnalo le risorse, i suggerimenti e i consigli pratici che applico io stessa sulla mia pelle e che mi portano a risultati positivi. In questo caso, ho fatto più di un ciclo di 30 giorni di Zeolite – Elkopur 312 e devo dire che i miei disturbi alla pelle sono quasi scomparsi (sempre facendo attenzione a ciò che mangio).

      Questo è il link per acquistare il prodotto che ho usato io che mi dato ottimi risultati (ripeto: ti consiglio sempre di affidarti ad un nutrizionista esperto perchè quella che segnalo qui è solo la mia esperienza personale come allergica al nichel).

      Ecco il link diretto per acquistare (è lo stesso sito che io stessa uso per acquistare la zeolite):
      Zeolite Elkopur 312

      Rispondi
  1. Siciliano giuseppe

    Carissimo Orsini grazie del tuo consiglio . In questo momento io ho bisogno di te. Vorrei cortesemente questo prodotto x favore mandamento maghero’ in contrassegno al corriere . Oppure dammi un numero telefonico in modo che possiamo parlare da persone adulti e consapevole . Nn saprei come altro posso parlare personalmente con te. Nn so usare molto bene il computer e nn so fare email.

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Paolo, ti ricordo quello che ti ho già segnalato nel commento precedente. Ti chiedo cortesemente di leggere prima ancora di pubblicare un nuovo commento.

      Non inserire il tuo numero di telefono pubblico.

      Io non sono un medico o una farmacia dove puoi ordinare la zeolite. Non ti chiamo al telefono perché non mi occupo della rivendita della zeolite, faccio un altro lavoro.

      Ti ho girato già i link dove acquistare online la zeolite attivata.

      Rispondi
      1. Paola Orsini Autore articolo

        Ciao Teresa, grazie per la tua domanda. Insieme alla Zeolite cerco di seguire una dieta a basso contenuto di Nichel, anche se qualche volta sgarro, ma cerco di limitare gli alimenti che non tollero perchè gli effetti poi si vedono subito sulla mia pelle.

        Spero di esserti stata di aiuto.
        Al Tuo Benessere.

        Rispondi
  2. Sujata

    Leggo nell’articolo: “La zeolite attivata non serve solo per curare l’allergia al nichel, ma viene utilizzata anche da chi pratica sport a livello agonistico per aumentare l’acidosi lattica.” Non è che è stato erroneamente riportato ‘aumentare’ anziché ‘diminuire’?

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Sujata, si hai ragione, è stato un mio errore, non dovevo scrivere aumentare ma diminuire. Grazie mille per la tua preziosa segnalazione. Vado subito a correggere il post.

      Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Claudio, grazie per la tua domanda. La zeolite di Elkopur puoi trovarla sia in capsule che in polvere. Ti consiglio le capsule perchè la polvere ha un sapore poco gradevole e sa proprio di terra. Invece le capsule sono inodore e insapore.

      Questa è la Zeolite in capsule che prendo anch’io che mi ha dato ottimi risultati:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312.php?pn=4902

      Facci sapere se la prendi anche tu e i risultati che otterrai.
      A presto.

      Rispondi
  3. luana

    Mi interessa molto questo prodotto visto che sono fortemente allergica al nichel e, come effetto prevalente ho gonfiore diffuso con tantissima ritenzione di liquidi…il mio problema è anche la stitichezza, che risulta essere anche effetto collaterale dell’assunzione della zeolite. Cosa mi consigliate? Grazie infinite

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Luana, grazie per avermi posto questo tuo dubbio. La zeolite personalmente non mi ha provocato stipsi, ma io di solito non ci ho mai sofferto. Quindi, dipende da caso a caso.

      Se vuoi provare ad assumerla, acquistane solo una scatola:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312.php?pn=4902
      (questa è la confezione che uso anch’io)

      Prova a prenderla per una o due settimane. Attenzione, ti consiglio di bere molta acqua, e se non sei abituata, cerca di aumentare la quantità di liquidi che assumi.

      Magari è un consiglio che conosci già, ma cerca se puoi, di aumentare la quantità di verdura e frutta durante il giorno, che aggiunta ad un buon consumo di acqua, potrebbe aiutarti a diminuire i tuoi problemi.

      Ho visto che spesso, molte persone riescono a migliorare la propria stitichezza anche facendo un’attività fisica costante. Non devi diventare un’atleta, ma già fare delle camminate veloci di mezz’ora o un’ora al giorno, ti aiuteranno parecchio.

      Ultimo consiglio, se per qualche motivo non riesci a seguire questi suggerimenti (bere molto, fare attività fisica non intensa ma costante e mangiare tanta frutta e verdura), prova ad assumere questo integratore:

      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__magnesio_supremo.php?pn=4902

      Il magnesio, tra gli alti benefici (abbassa lo stress e l’ansia) ti aiuta ad andare più spesso in bagno perché rilassa i muscoli: è un vero e proprio lassativo naturale. Infatti, depura il nostro organismo dalle tossine presenti nell’intestino favorendone l’evacuazione.

      Spero di averti dato delle buone dritte. Facci sapere se userai la zeolite e il magnesio e i risultati che riesci ad ottenere.

      Rispondi
      1. luana

        Grazie per la risposta! Io sono una persona iper sportiva (direi dipendente dallo sport), bevo tanta acqua a digiuno soprattutto, mangio da sempre quantità industriali di verdura e frutta, da un anno prendo il magnesio supremo (1 cucchiaio la sera e 1 la mattina)…sinceramente non so cosa altro fare…Ho acquistato ed è già arrivata la zeolite della Elkopur, ho preso una compressa giusto ieri sera.
        Per quanto riguarda poi i cibi NO e SI per l’allergia al nichel, in generale sto prendendo atto che ci sono pareri contrastanti ovvero, alcuni alimenti da qualcuno vengono proibiti e da altri no e viceversa, mi sembra quindi che il quadro non sia ben chiaro…
        Grazie ancora

        Rispondi
        1. Paola Orsini Autore articolo

          Ciao Luana, mi fa molto piacere che già fai da tempo quello che ti avevo suggerito per migliorare la situazione.

          Riguardo gli alimenti consentiti e quelli vietati, ho riscontrato anch’io la tua stessa conclusione, forse perchè essendo questo tipo di allergia molto personale, varia anche il tipo di alimenti che si possono assumere senza conseguenze.

          Io consiglio di fare dei test personali, andando a provare quali sono gli alimenti che ci fanno male, e cercare di eliminarli per un periodo di tempo. In pratica, bisogna seguire una dieta disintossicante e poi via via, come suggerito da altri esperti, cercare di assumere per gradi il cibo che non tolleravamo.

          Per la Zeolite, fai una prova per un paio di settimane almeno, non è un farmaco, quindi i tempi per vedere i primi miglioramenti non sono immediati, e poi facci sapere se hai ottenuto dei risultati concreti e positivi.

          Ci aggiorniamo presto.

          Rispondi
  4. elena

    Ciao Paola, complimenti per il lavoro che stai facendo con questo sito 🙂 è veramente molto utile.

    Io sono allergica al nichel ++, ho fatto l’esame ormai quattro anni fa, e negli ultimi due anni ho avuto parecchi problemi alla pelle, probabilmente aggravati anche da un problema alla tiroide.

    Da più di un anno, oltre la dermatite atopica su braccia e collo, ho una fastidiosa e ormai cronica disidrosi alle mani.

    Cerco di stare attenta a quello che mangio ma i pareri sono molto discordanti e spesso un alimento che viene sconsigliato in una lista, si trova invece in un’altra. Io di solito mi baso su questa classifica:
    http://www.torrinomedica.it/studio/alimenti/nichel/tabella_nichel_alimenti_quant.asp
    come ti sembra?

    Volevo sapere anche quante compresse di zeolite prendere al giorno e in che momento della giornata. Io ho comprato zeonam med con 80 compresse da 410mg.

    Grazie.
    Buona giornata.

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Elena, grazie mille per aver raccontato la tua esperienza diretta e per i complimenti per questo progetto a cui io e mio marito (che mi aiuta nella parte tecnica) teniamo molto.

      Anch’io ho la dermatita atopica + la disidrosi alle mani.

      Magari ti può essere utile leggere questo articolo scritto proprio a proposito della disidrosi:
      http://www.allergianichel.com/disidrosi-mani/

      Per le liste he trovi sul web, anch’io ne ho create un paio, una sugli alimenti da evitare e un’altra su quelli consigliati, ma anche qui secondo me varia da caso a caso.

      Il link che mi hai condiviso è una fonte autorevole quindi presumo che sia un valido elenco da cui partire.

      Quello che ti consiglio comunque di fare, nel caso non ci avessi già pensato da sola, è provare un alimento che pensi possa darti fastidio e aspettare qualche giorno (o anche di più) per verificare che su di te ci siano effetti indesiderati.

      Per la zeolite, io prendo questa:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312.php?pn=4902

      Mi ci trovo molto bene e non ho avuto controindicazioni, anzi, ho risolto praticamente il problema della disidrosi solo assumendo questo rimedio naturale.

      Ne prendo una compressa al giorno a colazione.

      Nelle indicazioni presenti nella scatola della Zeolite che assumo viene suggerito di prenderne per un ciclo di 30 giorni consecutivi, seguito da 3-5 giorni di pausa, e poi ricominciare.

      Da uno studio che puoi vedere dal sito di Macrolibrarsi, si precisa che esistono sul mercato oltre 400 tipi di zeolite con qualità e proprietà molto differenti tra di loro.

      Il tipo di zeolite contenuta in Elkopur312 è la migliore qualità disponibile sull’intero mercato ed è pura al 100% oltre che ad essere attivata.

      Elkopur312 contiene anche un’altra terra mineraria, la Mont-morillonite la quale permette una evacuazione della zeolite con le tossine catturate più rapida e sicura, stimolando contemporaneamente la flora batterica intestinale benefica (a differenza di altri prodotti contenenti solo zeolite che possono portare a difficoltà intestinali).

      La formulazione di Elkopur312 con Mont-morillonite si distingue come unica.

      Spero di averti dato informazioni più dettagliate.
      Ti riporto il link di nuovo qui:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312.php?pn=4902

      Rispondi
      1. elena

        Ti ringrazio per le info. Per il momento proverò ad usare le compresse appena prese, poi proverò con le altre. Se avrò dei benefici ti farò sapere!

        Purtroppo faccio molta fatica a capire se c’è qualche alimento in particolare che mi dà fastidio, l’unico che sono riuscita ad associare a dei peggioramenti è il cioccolato, che non mangio da parecchio tempo, ma che comunque non ha risolto la situazione.

        La mia disidrosi ha iniziato ad espandersi la scorsa estate, da un gruppetto di bolle su un dito, ha espanso i confini sempre di più prendendomi tutto il palmo.

        Quando finalmente verso questo marzo mi sembrava che la pelle piano piano stesse tornando alla normalità, ha avuto un peggioramento repentino, e ora a cicli peggiora e migliora coinvolgendo tutto il palmo e parte delle dita. Speriamo davvero di aver trovato un rimedio…

        Rispondi
        1. Paola Orsini Autore articolo

          Ciao Elena, fai bene a provare la zeolite che hai già comprato. Aggiornarci sui risultati.

          Ti capisco benissimo riguardo la disidrosi, avevo le stesse reazioni anch’io.
          Mi hanno imbottito di cortisonici che ovviamente bloccavano il problema momentaneamente ma non lo risolvevano.

          Se vedi che continua ad espandersi, prova ad affidarti ad un bravo medico che ti curi la pelle, ti darà sicuramente qualche cortisone ma così almeno blocchi lo sviluppo, prendendo poi la zeolite, eviti che ritorni.

          Così ho fatto anch’io e i risultati si sono visti, ma come ti dicevo, non posso darti consigli perchè le reazioni sono diverse da caso a caso.

          Rimaniamo in contatto e facci sapere. Buona guarigione.

          Rispondi
      2. Vanessa

        Ciao Paola, mi chiamo Vanessa e sono allergica al nichel ++++. L’assunzione di prodotti vietati porta oltre a prurito sulla pelle e di conseguenza anche segni rossi sulla pella, porta un disturbo intestinale, in quanto l’indomani dell’assunzione a un cibo vietato ho crampi allo stomaco e anche diarrea.

        Un’altra conseguenza all’allergia al nichel è che non riesco a perdere peso. Il prodotto che utilizzi tu che oltre a contenere la zeolite attivata e Montmorillonite naturale potrebbe aiutarmi a risolvere i miei problemi o sarebbe meglio utilizzare solo la zeolide attivata senza altri materiali? Grazie.

        Rispondi
        1. Paola Orsini Autore articolo

          Ciao Vanessa, grazie per aver condiviso con noi i tuoi dubbi e le perplessità in merito alla tua situazione personale.

          Gli effetti che hai dopo aver mangiato prodotti con alto contenuto di Nichel sono comuni a molte persone che hanno questa allergia.

          Personalmente anche se sgarro, visto che prendo la zeolite da ormai più di un anno, non ho conseguenze particolari, a meno che ovviamente non esagero.

          La perdita di peso non deriva da un’assunzione o meno di Zeolite, qualsiasi sia l’integratore che stai assumendo.

          Da qualche settimana, e ti dico anche con difficoltà, ho modificato il mio regime alimentare e assumo costantemente grosse quantità di vitamina D.

          Il regime alimentare che seguo è la Paleo Dieta ma lo devi ovviamente adattare a ciò che tolleri, almeno fino a quando non ti disintossichi.

          Per saperne di più leggi questo libro -> http://amzn.to/2dut2UC

          Se riesci a prendere la Zeolite per lunghi periodi, probabilmente abbasserai già il tuo livello di Nichel nel corpo, quindi potresti tentare di assumere un alimento proibito alla volta, facendo una prova e aspettando qualche giorno o settimana per vedere le tue reazioni.

          Io non devo perdere peso ma la dieta Paleo ti aiuta anche su questo fronte.

          Spero di averti dato qualche buon consiglio.

          Rispondi
  5. Alessia

    Ciao, io non sono allergica al nichel, ma vorrei sapere per gli altri benefici, per quanto tempo prenderla? Per sempre o qualche mese, o un mese si e uno no? Grazie.

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Alessia, grazie per la tua domanda. La Zeolite è un potente chelante, questo significa che comunque è un disintossicante naturale dai metalli pesanti in genere, non solo per il nichel. Inoltre alcalinizza il corpo e quindici aiuta a perdere infiammazioni del nostro corpo da un alimentazione non corretta o troppo acida (pasta, pane, pizza, etc.)

      Riguardo l’assunzione, non so qual è il tuo obiettivo, in tutti i casi viene suggerito dalla casa farmaceutica di assumerla per lunghi periodi, con cicli di 30 giorno e 3-5- giorni di stop tra un ciclo e l’altro.

      Qui trovi la migliore Zeolite che sono riuscita a scoprire in commercio:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312.php?pn=4902

      Spero di esserti stata di aiuto e tienici informate sui risultati che ottieni qualsiasi sia l’obiettivo che ti prefiggi.

      Rispondi
  6. davide

    Soffro di forte intolleranza al nickel e ai salicilati contenuti nei cibi con conseguenti disturbi di tipo allergico.. prurito oculare, emicranie, dermatiti, pustole, innalzamento dell’istamina, inacidimento del ph corporeo con conseguente stanchezza immotivata, dolori addominali, gastrite e reflusso, nausea, fino ad arrivare a veri e propri blocchi della digestione con tachicardia e dolori riflessi dell’addome del torace e degli arti superiori.

    Ho fatto gli esami e modificato la mia dieta ma con risultati troppo lenti e con troppe rinunce alimentari. poi mi è stata consigliata la zeolite, unita ad un integratore di fermenti lattici e alga klamath per ripristinare l’equilibrio intestinale perduto.

    Rispondi
  7. Anna

    Ciao! proprio oggi sono venuta a conoscenza di questi prodotti! non sono allergica al nichel ma volevo sapere se tale prodotto può essere utile anche per chi svolge lavori spesso a contatto con metalli per via inalatoria (lavori di saldatura,verniciatura ecc…)!
    grazie Anna

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Anna, piacere di conoscerti e grazie per aver chiesto più info sulla Zeolite anche se non sei allergica al nichel (sono felice per te, non sai che rottura 😉 ).

      Io ripeto a tutti che non sono un medico ne uno specialista, ma leggendo il bugiardino della Zeolite, l’obiettivo di questo rimedio naturale è quello di attirare i metalli pesanti ed espellerli dalle feci.

      Quindi secondo me si, potrebbe essere molto utile anche a te che lavori a contatto diretto con diversi metalli pesanti.

      L’unica cosa che puoi fare è di provare a fare un ciclo di 30 giorni e vedere se hai risultati positivi, perchè la Zeolite offre anche altri effetti benefici.

      Questa è quella che uso io che ho selezionato dopo averne provate diverse, online credo sia la migliore reperibile sul mercato:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312.php?pn=4902

      Aggiornarci poi se assumerai la Zeolite e gli effetti che otterrai.

      Rispondi
  8. michele

    Ciao Paola,
    bellissimo sito informativo. Complimenti! Ti scrivo per delle info in merito ad altre patologie e alla zeolite.

    Io sono “malato” di sclerosi multipla e, come molti di noi, intossicato da metalli pesanti. La cosa è “normale” in un malato di s.m esserlo.

    Ho già fatto un ciclo con l’EDTA (chelante endovena) a livello ospedaliero, che mi ha riportato a livelli “normali”, e che mantengo con la zeolite.

    Prodotto stupendo (io l’assumo in polvere), mi ha perfino ringiovanito! Ho 46 anni e ti assicuro che i suoi effetti benefici sono strabilianti! Brava, bel sito!
    Cordialmente,
    Michele

    Rispondi
  9. Paola Orsini Autore articolo

    Ciao Michele, che dire, sono lusingata e quasi commossa per il tuo commento. Grazie mille per aver condiviso la tua situazione che di certo è più complicata. Sono ben felice di leggere che la Zeolite ha effetti utili anche per altri tipi di patologie.

    Io assumo la Zeolite in capsule perchè il sapore terroso non mi piace anche se dopo un pò avevo iniziato a farci l’abitudine.

    Interessante la tua esperienza sul ringiovanimento che hai ottenuto, sembra quasi impossibile ma ci credo che assumendola costantemente alla fine si possano avere anche questi benefici (magari anche solo percepiti di una sensazione di benessere, ma solo questo sarebbe tantissimo con un semplice rimedio naturale).

    Grazie ancora di essere passato da queste parti.

    Rispondi
  10. Lily

    Salve, sono fortemente allergica al nichel e ho cominciato da circa un mese prendere la zeolite in polvere con una pausa di 5 giorni. La prendo una volta al giorno, a volte anche due, prima dei pasti con 30 minuti o dopo i pasti 30 minuti. Domanda: per quanto tempo bisognerebbe prenderla? I risultati li ho notati, meno dolori articolari, la dermatite era meno forte delle altre volte e un tono migliore. Grazie e aspetto notizie!!!!

    Rispondi
  11. Paola Orsini Autore articolo

    Ciao Lily, grazie per il tuo contributo. Sono ben felice di sapere che prendi già la Zeolite con buoni risultati. Non son indicarti un tempo preciso per l’assunzione perchè come ben sai, ogni caso di allergia al Nichel è personale e cambia da un’ individuo all’altro.

    Ti posso dire come faccio io, poi non affidarti solo ai miei consigli ma confrontati anche su altri blog, gruppi di Facebook e chiedi consigli anche da medici di cui ti fidi.

    Io ho risolto completamente il mio problema ma visto che gli effetti sono positivi anche su altri fronti, cioè la Zeolite aiuta non solo a disintossicarsi dai metalli pesanti ma ha tanti altri benefici, io continuo a prenderla in modo costante facendo solo delle piccole pause di qualche giorno.

    Ti faccio un esempio pratico ma ripeto, è una mia scelta personale in base a come mi sento e agli effetti benefici che ricevo.

    Faccio un ciclo di 30 giorni, poi mi fermo per 3-5-7 giorni e poi riprendo un altro ciclo di 30 giorni.

    Nel caso non lo sapessi, la Zeolite non ha nessuna controindicazione, è un rimedio naturale, l’unico problema che potrebbe emergere è la Stipsi nel caso tu ci soffra, non mi sembra comunque il tuo caso.

    Spero di averti dato qualche piccolo e utile suggerimento per l’assunzione della Zeolite. Facci sapere poi come procede e che benefici continui ad ottenere. Al tuo benessere.

    Rispondi
    1. Lily

      Grazie per i consigli, a parte la zeolite seguo anche una dieta alimentare, alcuni giorni della settimana evito di mangiare gli alimenti che contengono il nichel. La dermatite mi ritorna spesso, ma stavolta appena appena, avevo anche tanto cataro e leggeri problemi respiratori che in seguito sono diminuiti prendendo la Zeolite. Non ho dato mai importanza a questa allergia e sono stata diagnosticata 12 anni fa, ho mangiato di tutto e di più sempre, specialmente i prodotti che contengono Nichel. Anche se stavo male a livello intestinale non ci credevo che la causa poteva essere il Nichel finchè un giorni ho cominciato avere difficoltà respiratorie e tutto l’ anno piena di catarro e tante nause quando mangiavo prodotti con alto contenuto di Nichel. Grazie davvero dei consigli!

      Rispondi
  12. graziella

    Ciao, grazie per i preziosissimi consigli? che dosi consigli? nelle istruzioni delle capsule che ho acquistato mi indica 6 capsule al giorno per 2 mesi. pensi siano troppe 6 al giorno e poi magari diminuire la dose per continuare con un assunzione a periodi ripetitivi con brevi pause?

    grazie

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Graziella, mi fa piacere esserti stata di aiuto. Riguardo alle dosi giornaliere, ti dico come la assumo io, ma dipende dagli obiettivi che ti prefiggi e anche, credo, dal tipo di prodotto che usi.

      Io assumo due capsule al giorno di zeolite lontano dai pasti per dei lunghi cicli o per cicli di circa 30 giorni con intervalli di qualche giorno.

      Ripeto, non sono un medico e non posso dirti quanta zeolite devi assumere nel tuo caso perchè anche se fossi uno specialista, comunque dovresti fare un controllo medico approfondito.

      Spero di esserti stata di aiuto.

      Rispondi
  13. Barbara

    Salve, mi chiamo Barbara. Sono allergica al nichel e al cloruro cobalto da 4 anni. All’epoca mi recai al policlinico di Messina per fare il patch test dopo 4 mesi di intossicazioni e dissenteria gravi più calo di peso.

    Da 46 kg sono passata a 35 kg più brufoletti con pus sulle cosce ed eczemi sui polpacci (io abito nella provincia di Messina).

    La dottoressa mi diede una dieta da seguire esente di nichel, in pratica non mangio nulla, pochissimi alimenti.

    Dopo due anni dalla scoperta di questa allergia, ho iniziato il percorso del vaccino ma dopo due anni da questo inizio percorso l’ho interrotto perché non potevo mangiare lo stesso nulla.

    Adesso dopo 4 anni, sono stanca perché vorrei introdurre gli alimenti che mi hanno vietato visto che fino ad oggi ho seguito la dieta perfettamente e costantemente.

    Oggi mi sono collegata come faccio spesso, ma oggi ho trovato questo articolo e sono sorpresa perché non avevo mai sentito parlare di Zeolite attivata.

    Vorrei sapere come funziona se anche io posso prendere questo integratore alimentare naturale seguendo la dieta esente di nichel e se poi posso introdurre a poco a poco gli alimenti vietati, cioè tutto.

    Mi sento sempre spossata e stanca, ultimamente ho il valore del ferro sotto il valore minimo e devo prendere le gocce di intrafer per integrarlo e poi gli eczemi sono sempre presenti non vanno mai via, la pelle è costantemente screpolata con tutto che utilizzo i prodotti della bionike.

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Barbara, grazie per aver condiviso con me e le lettrici e i lettori di questo progetto la tua salute.

      Mi fa piacere intanto di averti segnalato un’informazione che ti era sfuggita e sono contenta che ti ponga dei dubbi e cerchi di risolvere il problema.

      Io non sono un medico ne uno specialista, quindi non posso permettermi di dare dei pareri che solo uno specialista che conosce bene il tuo stato di salute può indicasti la strada giusta da seguire.

      Se in 4 anni non hai ancora risolto, è giusto porti delle domande.

      Quello che posso consigliarti è provare la Zeolite e verificare come stai dopo 30 giorni.

      Se per così tanti anni hai assunto poche quantità di Nichel nel tuo corpo, presumo che la percentuale di questo metallo pesante sul tuo corpo sia scesa. Io mi baso su quello che mi hai indicato tu e non su dati certi e testati, quindi non seguire i miei consigli come oro colato, ma prendili come suggerimenti di un’amica che è allergica al nichel ma che è un caso a parte rispetto al tuo.

      Come ti dicevo, prova la Zeolite per un ciclo di 30 giorni, qualsiasi sia il risultato non starai sicuramente peggio perchè questo è un rimedio naturale che non da controindicazioni (Io ti segnalo ciò che ho scoperto io dalle informazioni scovate in rete, dalla mia esperienza sul campo e dalle esperienze di altre allergiche al nichel che mi seguono).

      Quindi, ok alla Zeolite perchè non ha controindicazioni. Se vedi che qualche risultato positivo c’è, devi avere pazienza perchè i risultati si vedono più lentamente visto che non è un farmaco, allora continua a prenderla.

      Riguardo invece alla dieta, da non esperta e da non medico (lo ripeto sempre perchè è importante capire chi sono), secondo me puoi cercare di reintrodurre solo un alimento a cui eri allergica alla volta, aspettare qualche settimana (non pochi giorni) e vedere se hai delle controindicazioni. Vai avanti così fino con un’altro alimento e così via.

      Secondo me questa è la strada migliore, devi assolutamente riprendere peso, e tornare a vivere una vita degna mangiando sempre con molta attenzione ma non assumendo solo pochissimi alimenti.

      Spero di averti dato qualche buon suggerimento, se non vedi risultati, come ho fatto io e tantissime altre persone, prova altri medici sopratutto cerca un allergologo esperto e/o un dietologo che sappia fare il suo lavoro.

      Al tuo Benessere.

      Rispondi
      1. Barbara

        Si certo infatti ho proprio intenzione di reintrodurre un alimento alla volta proprio come facevo quando assumevo le compresse del vaccino di nichel.

        Fortunatamente dopo 4 anni sono rientrata nel mio peso proprio in questa estate ma ci sono voluti tutti questi anni, ma comunque mi accompagnano sempre gli eczemi sulla pelle, prurito grave e pelle disidratata come se non usassi nessun tipo di crema e intossicazioni lievi perché a quanto sembra ogni tanto il mio corpo va in tilt pur non ingerendo alimenti che sono vietati dalla mia dieta, e poi la spossatezza perenne.

        Come ti dicevo io seguo una dieta da 4 anni ormai esente di nichel ma ho sempre fastidi proprio questi che ti ho elencato oltre a desiderare gli alimenti che non mangio da tutti questi anni.

        Comunque io non ho proprio risolto nulla con il vaccino ne con l’allergologo, figurati che tutto quello che io ho scoperto per quanto riguarda le medicine quali prendere e quali no e altre informazioni è stato solo perché io non mi sono arresa ed ho fatto sempre ricerche.

        Spero di poter avere un supporto e un miglioramento con questo integratore perché davvero sono proprio stanca, anche perché nessun medico fino ad oggi è riuscito a fare meglio di me.

        Rispondi
        1. Paola Orsini Autore articolo

          Grazie Barbara per aver approfondito ulteriormente il tuo caso specifico. Fai benissimo a continuare ad aggiornarti e fare ricerche senza fidarti esclusivamente di ciò che ti suggeriscono i medici.

          Segui il mio consiglio e assumi la Zeolite, poi commenta di nuovo questo post e segnalaci i risultati raggiunti. Nel caso che vada malissimo, non succede nulla ;).

          Al tuo Benessere Barbara!

          Rispondi
  14. Alice

    Ciao Paola,
    Articolo molto interessante. Quando anni fa ho scoperto di avere una forte intolleranza al nichel, della zeolite non ne parlava ancora nessuno. Per fortuna, col tempo, nuovi aiuti e comsigli vengono fuori…
    Sono andata in farmacia e ho trovato le capsule della Zeosindmed. Ho preso quelle per provare, ho letto nel bugiardino che sono indicati anche per chi purtroppo sta facendo cicli di chemio e radioterapia.
    Tu sai se c’è differenza tra queste compresse di zeolite e quelle che prendi tu?
    Su internet trovo solo tanti “bugiardini” online (a quanto pare sono in molti a produrre queste capsule) ma non trovo confronti, se non di nomi e di prezzi.
    Grazie,
    Alice

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Alice, benvenuta su questo blog e grazie per aver condiviso la tua esperienza sul campo.

      L’integratore che stai assumendo tu purtroppo non lo conosco, non l’ho mai provato perchè mi sono trovata subito molto bene con la Zeolite Attivata che sto assumendo tutt’ora.

      Se vuoi saperne di più, qui potrai scoprire i commenti di chi l’ha assunta (quindi non ti fidare solo dei miei consigli 😉 ) oltre che studi scientifici:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312.php?pn=4902

      Spero di averti dato qualche informazioni utile.
      Al Tuo Benessere Alice.

      Rispondi
  15. Elvira

    Ciao Paola
    Sto assumendo la zeolite elkopur 312 dal 23 agosto, per allergia al nichel, assumo due compresse al giorno in due tempi diversi.
    Sono stata dall’allergologo che non ha ripetuto il test del nichel ma ha riscontrato un’intolleranza alle istamine.
    Per la zeolite Dopo i 30 giorni devo fare la pausa di 5 giorni: poi come devo ricominciare ? Può bastare una compressa al giorno? Si può interrompere a un certo punto o assumerla tutto l’anno?
    Aspetto indicazioni,
    Grazie intanto!

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Elvira, grazie per aver condiviso i tuoi dubbi e la tua esperienza positiva con la Zeolite Attivata. Non sono un medico o un esperto quindi posso darti il mio parere, ma ti consiglio anche di chiedere a persone che ne sappiano molto più di me.

      Personalmente continuo a prenderne sempre due compresse al giorno dopo aver fatto qualche giorno di stop alla fine del ciclo di 30 giorni.

      Non ho abbassato le quantità semplicemente perchè, nel mio caso, non ho effetti collaterali (detto in poche parole, non ho problemi a visitare il bagno ;), che è l’unico eventuale problema che si ha assumendo questo rimedio naturale).

      La zeolite non mi aiuta solo a disintossicarmi dai metalli pesanti ma previene anche malattie gravi e aiuta il corpo ad essere meno infiammato e più alcanino.

      Puoi interrompere ovviamente quando vuoi l’assunzione di Zeolite, ma ovviamente poi pian pian tornano anche gli spiacevoli effetti collaterali derivanti dall’aumento di Nichel nel nostro organismo.

      Se mi capita di fare delle lunghe pause, e per esigenze sono costretta a mangiare cibo con contenuti di Nichel che nel mio caso non tollero, noto subito un acutizzarsi della mia disidrosi alle mani.

      Quindi appena ho dei pruriti alle mani torno subito a prendere la Zeolite. Spero di averti dato qualche spunto di riflessione per seguire la tua strada nell’assunzione di questo fantastico rimedio naturale.

      Rispondi
  16. jlenia

    Buongiorno Paola,
    ho scoperto solo ieri di non tollerare il nichel e nello specifico spinaci, patate, kiwi, nocciole e lievito di birra. Volevo chiederti se posso assumere la Zeolite anche in allattamento, perchè non riesco a trovare informazioni adeguate sull’argomento. Grazie mille per il tuo lavoro.

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Jlenia, grazie per aver condiviso la tua esperienza di neo-mamma allergica al nichel. Io durante la mia gravidanza non conoscevo la Zeolite quindi non mi sono mai informata a proposito. Sono andata a leggere le indicazioni della scatola della Zeolite Attivata che assumo costantemente e viene indicato questo:

      Durante la gravidanza, l’allattamento o in caso di problemi di carattere medico, consultare il proprio medico o terapista prima di assumere ELKOPUR 312®.

      Quindi, non conoscendo il tuo stato di salute e non essendo un medico o uno specialista ti consiglio di chiedere il parere del dottore che ti segue.

      Al Tuo Benessere.

      Rispondi
  17. PAOLA

    Buongiorno Paola,
    anche io ho l’allergia al nichel e leggendo i tuoi post ho iniziato a prendere la zeolite esattamente quella che consigli tu il mese scorso. la disidrosi alle mani è sparita solo che a volte tornano le piccolissime bollicine sulle dita con prurito fortissimo, durano circa una settimana e poi spariscono ma prima di svanire del tutto mi si formano dei taglietti tipo ragadi dolorosissime, volevo sapere se anche a qualcuno di voi o a te si formano questi piccoli tagli sulle dita…comunque forse riscontrerò benifici a distanza di tempo ( è solo 1 mese che la prendo ), per cui la prenderò per tutto l’inverno facendo pause come da te specificato.
    Grazie per aver scoperto questa cosa perchè mi lascia dei momenti di tregua nei quali anche le piccole cose, come lavarmi le mani o tenere in mano delle borse mi è divenuto faticosissimo….

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Paola, grazie per aver condiviso la tua esperienza. Sono molto felice di sapere che grazie ai miei post sei riuscita a risolvere il tuo problema della disidrosi alle mani, lo stesso che ho avuto io per anni.

      Che dire, sono lusingata e orgogliosa di averti dato una strada da seguire che ti ha portato alla quasi completa guarigione! E’ un risultato molto importante, sopratutto se pensi a tutti i soldi risparmiati in visite mediche specializzate da dottori che magari ti prescrivevano i soliti farmaci cortisonici.

      Mi dispiace che ancora non hai risolto definitivamente ma come tu stessa hai notato, non essendo un farmaco ma un rimedio naturale, forse devi aspettare anche qualche altro ciclo per vedere dei miglioramenti. Sopratutto se sei molto intossicata da Nichel, perchè ovviamente hai bisogno più tempo per eliminare questo metallo pesante dal tuo corpo.

      Tienici aggiornate qui sul tuo stato di salute. Al Tuo Benessere.

      Rispondi
      1. PAOLA

        Paola, condividendo lo stesso problema mi risulta facile darti del tu se me lo permetti…
        Ti ho scritto che è da 1 mese che uso la zeolite e al momento la mia disidrosi è migliorata dal punto di vista estetico ma volevo chiederti delle delucidazioni:
        • Perchè bisogna fare la pausa e se è obbligatoria
        • Vorrei comprare il tuo libro ma non ho capito se dopo averlo letto mettendo in atto tutto ciò che in esso è scritto mi passa la disidrosi…. Perché mi sembra di capire che tu dici anche che prima o poi si potrà mangiare di tutto o ho inteso male?
        • E’ possibile che con un ciclo di zeolite io riesca a sentirmi come rinata? E quindi più in forze e in più con un netto miglioramento dell’umore? ( premetto che prendo un farmaco che mi aiuta a sopperire nella mia mancanza di serotonina ma da anni) eppure come mi sono sentita io in questo mese non mi è mai capitato dipende dalla zeolite secondo te?
        Grazie per tutto il tuo aiuto….

        Rispondi
  18. tunia

    ciao anch’io allergia al nichel ma nn trovo alimenti che posso mangiare ho visto sul computer ma chi dice una cosa chi un altra nn sono affidabili mi potete aiutare voi cosa mangiate ? grazie

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Tunia, grazie per la tua domanda. Il problema di articoli pubblicati online, come anche quelli che trovi su questo blog sono correlati alla quantità di Nichel presente nel tuo corpo. Gli effetti negativi e il tipo di conseguenze variano da persona a persona quindi non c’è un elenco su cui puoi bastarti ciecamente.

      Devi prenderli come spunti utili e poi valutare se a te quello specifico alimento da o meno fastidio. Io ho fatto così e ora cerco di non mangiare ciò che mi da molto fastidio, oltre ad assumere la Zeolite. Spero dia verti dato qualche buon consiglio. Al Tuo Benessere.

      Rispondi
  19. Gemma

    Ciao Paola mia madre ha una protesi al ginocchio che contiene nichel. Solo successivamente ha scoperto di essere allergica. Secondo te l’assunzione di zeolite potrebbe servirle a diminuire il dolore che sente? Grazie
    Gemma

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Gemma, grazie per la tua domanda molto mirata. Sinceramente non so cosa risponderti, perchè non sono un esperta o un medico. So che la zeolite è un chelante, quindi attira a se il Nichel e lo espelle andando al bagno. L’unica cosa che puoi fare è un test di 30 giorni con la Zeolite. Se vedi che tua madre non ha miglioramenti allora vuol dire che non ha funzionato.

      Prova e facci sapere, potrebbe essere utile anche ad altre persone con lo stesso problema. Al Tuo Benessere.

      Rispondi
  20. Elisabetta

    Buongiorno,
    ho appena acquistato Elkopur 312 e sto per iniziare la cura.
    Quando è il mmento migliore per assumerla?
    A digiuno?
    Mattina presto e sera prima di addormentarsi?

    Grazie
    betta

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Elisabetta, grazie per la tua domanda e ottima scelta quella di acquistare la zeolite attivata. Poi mi farai sapere dopo un ciclo di 30 giorni i risultati ottenuti. Puoi assumere una o due capsule di zeolite clinoptilolite ogni 24 ore. Io ne prendo due al giorno per velocizzare i benefici e la disintossicazione, ne prendo una a colazione e una a cena.

      Rispondi
  21. Marcella

    Buongiorno Sig.ra Orsini,
    sono allergica al nichel quasi da sempre, ma sono riuscita a contenere l’allergia per anni e anni, evitando alcuni alimenti e avendo alcuni accorgimenti adatti allo scopo (ad es. prendo solo scatolame con l’interno smaltato di bianco), ora però a causa di una mia “stato di affaticamento fisico ed emotivo causato da un periodo prolungato di stress” (che ho effettivamente avuto, e confermato dal medico) gli effetti dell’allergia si sono ripresentati, ma in modo molto piu’ accanito che in precedenza : arrossamento della parte (che cambia continuamente, prima un braccio, poi il costato, il ventre, e cosi’ via), prurito quasi incontrollabile che mi dà spasimi e che specialmente di notte mi fanno diventare matta, gonfiore dell’epidermide dove il prurito è più accentuato e dove io strofino un panno di spugna o alla disperata con le unghie quando proprio non ce la faccio più !!
    Inoltre avevo da anni un anello in argento 925, e certificato “nichel free”, con un design che sarebbe stato benissimo in oro giallo, circa 5/6 mesi fa mi è quindi venuto il vezzo di farlo placcare in oro giallo, visto che le ho pensate tutte mi sono anche chiesta se la placcatura in oro giallo potesse in qualche modo essere nociva.
    Il dermatologo mi ha dato un farmaco tranquillante neurotonico e sedativo in pillole da prendere 2 volte al giorno per 20 gg. , che è un calmante e un blando depurativo per il sangue. Infatti l ‘effetto è quasi nullo ! Compresa una crema lenitiva da spalmare sull’epidermide al bisogno, e anche in questo caso l’effetto è ormai blando e di sempre più breve durata !
    I 20 gg sono passati e io sto come 1 mese fa’ !!
    Cercando su internet ho trovato la sua pagina e i suoi preziosi consigli sull’allergia al nichel e sulla Zeolite attivata e allora le ho scritto !
    Dopo questa lunga premessa, della quale mi scuso ma che spero possa essere utile anche ad altre persone, le chiedo se VERAMENTE la Zeolite Attivata è efficace e se potrebbe esserlo anche per me.
    La ringrazio davvero se vorrà rispondermi e consigliarmi quali capsule di Zeolite lei ritiene siano più indicate da prendere.
    Cordialmente saluto
    Marcella

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Marcella, grazie per aver approfondito la tua situazione personale. Fa bene sfogarsi qualche volta, e questo potrebbe essere il posto adatto per raccontare la propria storia.

      Mi fa piacere che i consigli sulla zeolite clinoptilolite ti siano stati utili.

      Posso dirti con tutta franchezza che a me ha risolto definitivamente ogni problema di disidrosi alle mani, avevo più i meno i tuoi stessi sintomi molto frustranti, dolorosi, continui e fastidiosi.

      Ti consiglio di assumere la zeolite attivata per un ciclo di 30 giorno, poi valuta tu se continuare o meno, dopo aver riscontrato effetti positivi sulla tua pelle.

      Come dico sempre a tutti, la nostra allergia al nichel è molto soggettiva e varia da persona a persona, ma provare in questo caso non ti costa nulla, solo il prezzo della zeolite, perchè non ha alcun effetto collaterale.

      Essendo poi un rimedio naturale, non aspettarti miracoli dopo pochi giorni. Il corpo ha bisogno di tempo per espellere i metalli pesanti dal proprio corpo, quindi devi per forza fare un test su te stessa (come ho fatto anch’io con tantissimi rimedi naturali) per verificare se a te funziona.

      Ho creato anche una guida con 5 rimedi naturali, e il primo capitolo lo puoi scaricare gratuitamente qui (parla proprio della mia esperienza con la zeolite):
      http://allergianichel.com/my/disintossicarsi-dal-nichel/

      Spero di esserti stata di aiuto e di aver risposto ai tuoi dubbi e alle tue perplessità.
      Al Tuo Benessere.

      Rispondi
      1. Marcella

        Gent.ma Sig.ra Orsini,
        ogni parola che ho letto sulla sua pagina, compresi i commenti delle altre persone, mi sono state utili, proprio per questo sono stata così prolissa nel mio commento precedente e, le dirò di più, anche il mio medico curante si è detto molto favorevole a questo prodotto naturale, ma così efficace e mi ha prescritto ZEOLITE ZCA ZECLA, ritenendola la più adatta per me.
        Certamente sò che i risultati non saranno immediati ma, insomma, ho patito fino ad ora, lo farò ancora per un pò di tempo. D’altra parte la fretta non è mai stata amica di nessuna decisione o rimedio.
        In ultimo, se posso dare un consiglio a chi ci legge : cerco di lavarmi con il sapone marsiglia puro, (ovviamente escluse le parti intime), a me dà una sensazione di sollievo molto più prolungata rispetto ai saponi che si si trovano normalmente i commercio.
        Detto questo lasci che la ringrazi di tutto, di ogni commento che mi è stato prezioso e, se me lo permette, al termine dei 30 giorni previsti le farò farò sapere come sto.
        Cordialmente saluto
        Marcella

        Rispondi
        1. Paola Orsini Autore articolo

          Ciao Marcella, grazie mille per i suggerimenti che ci hai girato, ottima dritta quella del sapone di Marsiglia per lavarsi le mani. Sono ben felice di ricevere news da te sugli effetti che la Zeolite avrà sul tuo corpo. Al Tuo Benessere.

          Rispondi
      2. Lilia

        Buon giorno!!
        Anchio sono allergica al nikel lo scoperto un paio d’anni fa,ho la rosacea!!sai dirmi se c’è qualche colegamento :rosacea -nikel???????grazie mille!

        Rispondi
        1. Paola Orsini Autore articolo

          Ciao Lilla, grazie per questa tua domanda. Mi dispiace ma non so se c’è un collegamento tra la rosacea e il nichel. Dovresti chiedere al tuo allergologo, io non sono un medico ;). Al Tuo Benessere.

          Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Roberto, grazie per la tua domanda. Dalla scheda tecnica del produttore della zeolite attivata che consiglio in questo articolo, questo rimedio naturale non contiene glutine quindi puoi prenderlo senza problemi.

      Per confermare quanto detto da me vai nel link qui sotto e leggi certificazioni del produttore:
      http://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__zeolite-elkopur-312-zeolite-montmorillonite.php?pn=4902#certificazioni

      Fammi sapere poi, dopo un ciclo di 30 giorni i risultati che avrai raggiunto.
      Al Tuo Benessere.

      Rispondi
  22. veronica

    Salve, mi scusi volevo sapere se c’era differenza tra la zeolite attivata e non.
    Io ho sempre usato quella da lei consigliata (elkopur) ora invece ne sto provando un altra ma è solo zeolite.
    anche io la uso per l’allergia al nichel e devo dire mi aiuta molto e mi trovo benissimo.
    mi può aiutare a capire se è meglio continuare con quella attivata oppure anche l’altra va bene comunque.
    Grazie mille

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Veronica, grazie per la tua domanda.

      Secondo me, se stai comunque ottenendo dei benefici dalla zeolite pura che stai prendendo, non vedo perchè usarne un’altra ;).
      Non sono un medico ovviamente, è un consiglio da un’amica che è allergia al nichel come te.

      Io mi trovo bene con la Zeolite Attivata e ne ho provate altre che comunque avevano effetti positivi.
      Basta che nel rimedio naturale sia contenuta la Zeolite, che è un chelante naturale di metalli pesanti,
      quindi continua pure a seguire la strada che funziona meglio per te.

      Spero dia verti dato qualche buon feedback.
      Al Tuo Benessere.

      Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Giorgia, grazie per la tua domanda. La zeolite assorbe tutti i metalli pesanti, come anche il piombo oltre al nichel. L’intossicazione da alcuni metalli pesanti potrebbe portare anche ad una perdita di memoria. Ecco quindi che se ti disintossichi da uno o più di questi metalli, potresti effettivamente giovarne con un miglioramento della memoria.

      Se assumerai la zeolite, tienici aggiornate qui.

      Al Tuo Benessere.

      Rispondi
  23. teresa

    Ciao, avevo letto informazioni al riguardo sulla zeolite attivata come aiuto per l’allergia al nichel anche su sorgentenatura, ma mi fa piacere leggere direttamente testimonianze di chi ha questo stesso problema e ha trovato benefici. Volevo farti una domanda, dato che è mia figlia di 12 anni ad avere l’allergia volevo chiederti se per caso ci sono limiti di età per assumere la zeolite. Grazie mille e a presto.

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Teresa, grazie per la tua domanda. Mi fa molto piacere che questo articolo e la discussione che si è sviluppata di abbia dato conferma dei benefici della Zeolite.

      Riguardo l’assunzione non ci sono controindicazioni neanche per i bambini. Magari prova a dimezzare la dose nelle prime settimane e poi aumentala pian piano, in modo da verificare se tua figlia ha problemi di stitichezza, che è l’unico vero problema che potrebbe avere chi assume Zeolite e non beve molta acqua.

      Spero di esserti stata di aiuto, poi tienici aggiornate se userai la Zeolite anche per tua figlia.
      Al tuo benessere.

      Rispondi
  24. Alessandra

    Salve Paola,
    sono allergica al nichel ormai da molti anni. La mia è più un’allergia a livello alimentare che di contatto. Vorrei provare la Zeolite, avendo letto tutto, ma avrei delle domande da farle. Lei prende due capsule al giorno lontano dai pasti o solo 30 minuti prima? La dose consigliata è questa? Prendendo la zeolite è possibile reintegrare alcuni alimenti “proibiti”?
    La ringrazio per la gentilezza e per questo prezioso blog.
    Saluti,
    Alessandra.

    Rispondi
  25. claudia

    Ciao a tutti, io ho scoperto di essere allergica al Nichel nel 2001, dopo aver avuto sintomi dal 1994. Bruciori, lesioni e pruriti a livello vaginale e dopo la gravidanza (periodo in cui non ho avuto nessun problema) sensazioni di calore e prurito a livello anche.degli arti, come.se mi fossi esposta al.sole in prima.giornata senza protezione. Ultimamente avverto anche gonfiori e.dolori alla gola come.se.avessi delle placche ma in realtà si.tratta di essudato biancastro, reazione.organica verosimilmente a seguito di introduzione.di.alimenti contenenti nichel nell’ organismo. In effetti fino ad oggi ho sempre.cercato.di mangiate solo cibi nichel.Free. e in questo modo ho tenuto a bada la sintomatologia ma francamente ora sono stanca e triste. Penso che nel.tempo il mio umore sia andato sempre peggiorando, la memoria in periodi di particolare stress lavorativo mi fa un.po’ di scherzi, e anche a livello intestinale e.gastrico da qualche anno avverto gonfiori, forte flatulenza che mi provoca anche extrasistoli e dolori al colon. C’è qualcuno che avverte o avvertiva tali.sintomi e con la zeolite è migliorato?
    Anch’io l’ho acquistata, in particolare Panaceo med e vorrei proprio iniziare ad assumerla. …..
    Grazie.

    Rispondi
    1. Paola Orsini Autore articolo

      Ciao Claudia, grazie per aver condiviso qui la tua situazione personale. Io ti consiglio di assumere la Zeolite attivata, perché anche se nel peggiore dei cosai non dovrebbe darti nessun effetto positivo, non ne ricevi neanche controindicazioni.

      Devi solo fare attenzione perché la zeolite provoca stipsi, e se hai questo problema ti consiglio di assumere molta acqua tutti i giorni. Inoltre, sempre se soffri di stitichezza, prova ad assumerne metà dose per 2-3 settimane e poi inizi a prendere la dose completa.

      In questo modo abitui il corpo alla zeolite e non dovresti avere problemi di stitichezza.

      Prova la Zeolite per un ciclo di 30 giorni, e poi valuta se inizi a riceverne effetti positivi. Poi valuta, io la prendo sempre con qualche gioro di stop perchè ne traggo solo benefici.

      Altro consiglio che posso indicarti: se soffri di infiammazioni interne (colon irritabile, gonfiori e problemi intestinali, etc.) molto probabilmente hai il corpo in acidosi. Se riesci a far diventare basico il tuo sangue (ci vuole del tempo) vedrai che anche questi problemi diminuiranno o scompariranno del tutto.

      Ti consiglio di leggere questo libro:
      https://www.macrolibrarsi.it/libri/__il-miracolo-del-ph-alcalino.php?pn=4902

      Se vuoi invece passare subito all’azione per rendere alcalino il PH del tuo sangue, inizia a prendere l’acqua alcalina per alcuni mesi.

      Questo è quello che prendiamo in famiglia (anche mio marito ha problemi di infiammazioni interne e assume spesso questi integratori con successo):
      https://www.macrolibrarsi.it/prodotti/__alkawater-concentrato-alcalino-nuova-formula.php?pn=4902

      Spero di esserti stata di aiuto.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *