Dieta per intolleranze alimentari: I consigli del Dottor Carbone

libro sulle intolleranze alimentari

La dieta per le intolleranze alimentari è fondamentale per tornare a mangiare sano e variato. Io non sono un dottore ne un medico, quindi per aiutarti a capire meglio che strada seguire, ho deciso di farmi aiutare da un vero esperto in materia.

infatti, ho il piacere di ospitare su questo sito il Dottor Rocco Carbone, Farmacista, Naturopata, Docente, Autore di pubblicazioni, articoli e libri nel campo della medicina naturale e della fitoterapia.

Nell’articolo che troverai qui sotto, scoprirai i suoi consigli per capire cosa fare in caso tu debba seguire una dieta a rotazione per le tue intolleranze alimentari.

Dieta a rotazione per intolleranze alimentari

A cura del Dottor Rocco Carbone

Questo tipo di dieta costituisce la base fondamentale per il trattamento delle intolleranze alimentari e delle reattività individuali agli alimenti.

Essa consiste nella esclusione degli alimenti che provocano intolleranza per un determinato periodo e una successiva reintegrazione progressiva. 

L’esclusione di questi alimenti, a seconda del grado di disturbo, vanno eliminati da uno a tre mesi, sia l’alimento oggetto  della intolleranza  che gli alimenti appartenente alla stessa famiglia biologica. 

Da non trascurare il fatto che alcune intolleranze possono con reazioni cosiddette crociate, cioè indotte da altri alimenti contenenti stesse sostanze nutrienti. 

La dieta a rotazione per intolleranze alimentari,  costituisce un sistema di disintossicazione naturale attraverso l’alimentazione.

Questo tipo di dieta consente di:

  1. evitare l’uso di farmaci
  2. mettere a riposo sistemi enzimatici digestivi
  3. eliminare  eventuali metaboliti (scorie e tossine), accumulati nel tessuto reticolo endoteliale con attivazione del metabolismo cellulare
  4. eliminare di eventuali metaboliti  (scorie e tossine) accumulati nel sistema linfatico con attivazione del  drenaggio linfatico e risoluzioni di edemi, gonfiori e pesantezza degli arti inferiori
  5. eliminare  eventuali metaboliti (scorie e tossine) accumulati nelle terminazioni nervose sinaptiche (che sono dei collettori di congiungimento dei nervi)  con miglioramento di nevriti, cefalee, sonnolenza, vertigini e dolori reumatici
  6. eliminare  eventuali metaboliti  (scorie e tossine) accumulati nel tessuto dermico connettivale, che rappresenta lo strato dl tessuto ipodermico, con miglioramento del trofismo cutaneo (ossigenazione cutanea) per i disturbi della pelle:  dermatiti, psoriasi, ecc.
  7. eliminare i metaboliti (scorie e tossine) per un fenomeno osmotico, consente di eliminare liquidi in eccesso costruendo, così una  dieta per intolleranze alimentari per dimagrire.

Questo tipo di dieta a rotazione può funzionare anche come regime alimentare per scoprire le tue intolleranze procedendo nel seguente modo. 

Si dividono gli alimento per gruppo, secondo le intolleranze alimentari più comuni, eliminandoli a rotazione ogni 4 giorni.

Ad esempio:

I° GRUPPO

Eliminare grano e derivati (pane, pasta, biscotti, fette biscottate, pizza ecc.)

II° GRUPPO

Eliminare latte e derivati (latte, formaggi, mozzarella, ricotta, cioccolata, gelati, ecc.)

III° GRUPPO

Eliminare solanacee (pomodori, melanzane, peperoni, peperoncino piccante, patate, ecc.)

IV° GRUPPO

Eliminare uova e derivati (uova di tutti gli animali, maionese, pasta di mandorle, biscotti, pasticcini, gelati, carne di pollo, galletto, faraona, quaglia), sostituire con tacchino, coniglio, agnello.

V° GRUPPO

Eliminare Olio e derivati (olio, olive, sottoli, fritture e condimenti con olio di olive, ecc.), sostituire con olio di mais o di girasole.

VI° GRUPPO

Eliminare xantine e derivati (caffè, thé, coca cola, cacao, ecc.).

VII° GRUPPO

Eliminare olio e derivati (olio, olive, sottoli, fritture e condimenti con olio di olive, ecc.)

Durante l’esecuzione della dieta  si ha un  miglioramento sintomatico ed un successivo aggravamento alla riassunzione dell’alimento, questo aspetto ci mette un evidenza un’eventuale intolleranza a quella classe di alimenti, costituendo così una  dieta per scoprire le intolleranze alimentari. 

Le reattività individuali agli alimenti sono un insieme di sintomi e di disturbi delle funzioni di alcuni organi e visceri,  dovuta alla mancata digestione di determinati alimenti intolleranti che produco delle sostanze non riconosciute dal sistema digestivo e immunitario intestinale, dette Non-Self, che a loro volta inducono alla formazione di un’infiammazione cronica dell’intestino tenue e  del colon.

Durante l’esecuzione della dieta a rotazione per intolleranze alimentari si ha un miglioramento sintomatico verso il terzo o quarto giorno ed un successivo aggravamento alla riassunzione dell’alimento, questo aspetto mette un evidenza un’eventuale intolleranza o reattività verso quella determinata classe di alimenti. 

Durante la dieta si consiglia di bere durante la giornata 1-2 litri di acqua oligominerale con residuo fisso inferiore a 500 mg/lt e con pH 6,5 -7,2. 

Per saperne di più: ti consiglio di leggere questo libro sulle intolleranze alimentari

libro sulle intolleranze alimentari
Libro sulle intolleranze alimentari a cura del Dottor Rocco Carbone

Se vuoi avere una guida da seguire per le tue intolleranze alimentari ti consiglio di leggere il libro Intolleranze reazioni avverse agli alimenti dove scoprirai:

  1. come insorgono, qual è la causa
  2. con quali sintomi si manifestano
  3. come si scoprono e si riconoscono 
  4. come si curano  con rimedi naturali
  5. quale dieta seguire. 

Bibliografia

  • Carbone R & Coll.. Reattività individuali agli alimenti e alle sostanze chimiche. (Rivisitazione del concetto di intolleranze alimentari). Dibuono edizioni   srl, Villa d’Agri  (PZ), 2012.
  • Carbone R. Alimentazione e drenaggio. Cahiers de Biotherapie., Numero 1, anno XIII, p. 11-29. Roma, gennaio/marzo 2005.
  • Carbone R.  Drenaggio e gemmoterapia: preparati e consigli del farmacista . Il Farmacista 2006. Tecniche nuove edizioni, Milano, 2006.
  • Carbone R.  Intolleranze alimentari.  Diagnosi & Terapia. Numero 07, anno XXIX, p. 40  –  41, settembre 2010, Genova.
  • Carbone R. Introduzione epistemologica delle intolleranze alimentari.  Cahiers de Biotherapie. Numero 1, anno XX, p. 15-20. Roma, gennaio-marzo 2012.
  • Carbone R.  Balance emuntoriale. Diagnosi & Terapia. Numero 10, anno XXXII, p. 38-39 dicembre 2013, Genova.
  • Carbone R. Immunologia dell’intestino e la sindrome LGS.  Cahiers de Biotherapie., Numero 3, anno XXI, p. 19-21. Roma, luglio-settembre 2013.
  • Carbone R. Omeostasi e bilancio emuntoriale.  Cahiers de Biotherapie., Numero 4, anno XXI, p. 41-48. Roma, luglio-settembre 2013.
  • Carbone R.  Reattività individuali agli alimenti e alle sostanze chimiche. Diagnosi & Terapia. Numero 8, anno XXXIII,  p. 32-35 ottobre 2014, Genova.
  • Carbone R.  Intolleranza o reattività individuale all’alimento.  Diagnosi & Terapia. Numero  5, anno XXXIV,  p. 40-41 maggio  2015, Genova.