test per allergia da nichel

Test per Allergia al Nichel: Quali Sono i Principali Metodi per Scoprire Questo Metallo?

Test per allergia al nichel: senza dubbio avrai sentito parlare delle principali alternative per scoprire la presenza della condizione allergica. Osservare quelli che sono i principali sintomi dell’allergia al nichel non basta, anche se si tratta di un passaggio senza dubbio importante.

Esistono specifici test diagnostici che possono essere utilizzati per inquadrare in maniera definitiva lo stato allergico, e in questo articolo approfondirò proprio il succitato tema.


disintossicarsi-dal-nichel-guida

Per agevolare la tua lettura ho creato un indice dei paragrafi, così da aiutarti nella ricerca dei contenuti che più ti interessano.

Indice dei paragrafi:

 

Test per allergia nichel: parliamo del prick test

Quando i sintomi che possono far sospettare un problema di allergia al nichel si protraggono per più di una settimana è consigliabile effettuare un test diagnostico. Come già ricordato, esistono diverse opzioni utili al proposito.

Inizio la mia analisi in merito parlandoti del prick test. Di cosa si tratta? Di un test assolutamente indolore, privo di controindicazioni e poco costoso, che può essere prescritto anche a pazienti in età pediatrica.

Il prick test si esegue sulla cute dell’avambraccio (sul dorso nei neonati), e inizia con l’applicazione locale di allergeni sotto forma di piccole gocce. Tra queste sostanze può chiaramente esserci anche il nichel. Importante è ricordare che il prick test viene effettuato soprattutto per individuare allergie alimentari.

Dopo questo passaggio, lo step successivo consiste nel pungere la parte della pelle a contatto con l’allergene tramite una lancetta sterile, uno strumento che ha la forma di uno spillo di piccolissime dimensioni.

La succitata lancetta penetra per circa 1 millimetro nell’epidermide (da qui il nome del test, in quanto to prick in inglese significa pungere), non provocando alcun tipo di dolore anche nei pazienti in età pediatrica.

Dopo circa un minuto da questa azione, la goccia di allergene viene eliminata attraverso un panno di carta assorbente. Per avere un’idea chiara della risposta somatica al contatto con la sostanza allergizzante è necessario attendere 15/20 minuti.

Se in corrispondenza di uno specifico allergene compare una lesione edamatosa (pomfo) questo significa che il test è positivo, e che il soggetto soffre di allergia alla sostanza.

Il prick test ha un costo che può variare dai 20 ai 70 euro a seconda del regime in cui viene eseguito e della quantità di allergeni utilizzati per la diagnosi.

Il prick test è un’alternativa senza dubbio utile per scoprire l’allergia al nichel, ma non certo l’unica. Nelle prossime righe sono pronta a parlarti delle altre.

Test per allergia nichel: il patch test

Se vuoi andare sul sicuro per quanto riguarda i test per l’allergia al nichel, l’alternativa perfetta è senza dubbio il patch test. Come si esegue?

Questo esame diagnostico prevede il contatto della pelle con dischetti contenenti sostanze potenzialmente allergizzanti. Puoi stare assolutamente tranquillo perché, esattamente come nel caso del prick test, la quantità di allergeni è così bassa da rendere difficile qualsiasi tipo di effetto collaterale.

Il patch test prevede che i dischetti in questione vengano applicati sulla parte superiore del dorso, e fissati con appositi cerotti utili per assicurare un contatto uniforme per tutto il tempo necessario (circa 48 ore).

Trascorso appunto questo lasso di tempo, durante il quale il paziente deve evitare di esporre al sole la parte del corpo ricoperta da cerotti, così come di bagnarla, il medico rimuove il tutto, e osserva le reazioni della pelle al contatto con gli allergeni.

Se al contatto con una specifica sostanza la pelle risulta arrossata o irritata, oppure si riscontra la presenza di vescicole o papule, significa che il paziente è allergico. Nella maggior parte dei casi il lavoro del medico non si ferma a questa diagnosi.

Il paziente viene infatti visitato nuovamente anche un paio di giorni dopo il patch test, in modo da osservare in maniera approfondita lo sviluppo delle reazioni somatiche al contatto con gli allergeni.

Il costo del patch test, per via dei numerosi campioni di sostanze che vengono chiamati in causa, può essere anche molto alto, e superare i 300 euro.

La sua esecuzione è indolore e generalmente priva di effetti collaterali, ma è fondamentale ricordare che esistono delle controindicazioni. Quali sono? In che casi è meglio evitare di eseguire il patch test? Ecco qualche indicazione in merito.

  • Pelle escoriata, o caratterizzata dalla presenza di acne o cicatrici: il patch test deve essere eseguito sulla cute sana, in modo da evitare che i risultati siano sfalsati.
  • Gravidanza: nel periodo della gestazione e durante l’allattamento è consigliabile evitare il patch test, in quanto gli allergeni possono influire sulla salute del feto e del bambino.

Quando si decide di eseguire il patch test è essenziale instaurare con il medico un dialogo di ottimo livello.

L’interpretazione dei risultati non è infatti automatica come può sembrare: l’anamnesi del paziente è un passaggio imprescindibile per avere un’idea chiara e strutturata delle reazioni della pelle al contatto con specifiche sostanze.

 


disintossicarsi-dal-nichel-guida

 

Hai mai sentito parlare del Recaller?

Quasi sicuramente ti starai informando da tempo sull’argomento test per allergia al nichel, per cercare di capire qualcosa di più su una situazione che sta influendo in maniera molto importante sulla tua vita.

Hai mai sentito parlare del Recaller Program? Se sì, sai di cosa si tratta? Il Recaller Program è un test che permette di avere le idee chiare in merito ai cibi che provocano infiammazioni, attraverso una misura precisa del livello.

Come si effettua il test Recaller? Dove è possibile farlo? Ecco per te le risposte a queste domande.

L’esecuzione del test Recaller è molto semplice: si parte con un piccolo auto-prelievo dal polpastrello dell’indice. Questo step può essere effettuato sia da soli, sia con l’aiuto del proprio farmacista o medico di fiducia.

Dagli esiti dell’auto-prelievo è possibile avere un’idea del livello di chitochine e immunoglobuline  G presenti nel sangue. Le chitochine sono proteine che vengono prodotte dall’organismo in risposta a specifici processi infiammatori. Le immunoglobuline G, invece, sono anticorpi messi in campo dal nostro organismo durante la risposta immunitaria secondaria.

Per rilevare questi dati il campione viene inviato presso un laboratorio e sistemato su una piastra allergologica, per essere messo a contatto con 36 antigeni alimentari. I valori risultanti da questa interazione vengono messi a confronto con dati statistici, in modo da inserire la profilazione individuale nell’ambito di un panorama più ampio.

Al paziente viene poi comunicato per iscritto il modo in cui il suo organismo reagisce al contatto con specifici  gruppi alimentari. Sul succitato report vengono anche fornire delle indicazioni specifiche relative alla dieta.

Il test Recaller è frutto di uno specifico programma di ricerche portato avanti da specialisti in allergologia e immunologia. Dove si può eseguire? Sia in farmacia, sia presso gli studi medici che hanno scelto di adottare questo approccio alla diagnosi e al trattamento delle infiammazioni da cibo.

Vuoi sapere qualcosa di più in merito e scoprire qual è il punto di riferimento a te più vicino, anche solo per informarti? Puoi dare un’occhiata a questa pagina sul sito ufficiale del programma!

Se sono riuscita ad aiutarti a chiarire le idee in merito alle modalità di test per l’allergia al nichel ne sono contentissima! Sto già lavorando al prossimo post, sempre per darti modo di scoprire qualcosa di più sull’universo dell’intolleranza a questo metallo!


disintossicarsi-dal-nichel-guida

 

 

Riassunto del post
Test per allergia nichel: ecco le opzioni più importanti
Titolo del post
Test per allergia nichel: ecco le opzioni più importanti
Descrizione
Esistono specifici test diagnostici che possono essere utilizzati per inquadrare in maniera definitiva lo stato allergico. Il post approfondisce quali sono i principali metodi di tracciamento di questo metallo nel corpo.
Autore

Commenti

  1. luigi
  2. Isabella
  3. Giuseppe
  4. Elisa
  5. Fillide
  6. Paola
    • Paola Orsini

Lascia un commento qui sotto:

Condivisioni

Vuoi Disintossicarti dal Nichel?